Il Presidente della Consulta difende il riconoscimento dei diritti LGTB

L’ articolo che ho pubblicato nel sito Spagnolo DosManzanas sulle dichiarazioni di Franco Gallo… → Qui il testo completo (in Spagnolo)

La Polonia si Vergogna dei suoi deputati omofobi

L’ articolo che ho pubblicato nel sito Spagnolo DosManzanas sulle polemiche generate dalle violente dichiarazioni omofobe che alcuni deputati di estrema destra hanno fatto nel Sejm durante il dibattito sulle unioni civili la settimana scorsa… → Qui il testo completo (in Spagnolo)

Polonia: Il Sejm boccia le Unioni Civili. Crisi in PO

L’ articolo che ho pubblicato nel sito Spagnolo DosManzanas sul voto con il quale il Sejm (la Camera dei Deputati Polacca) ha bocciato,per la seconda volta in questa legislatura, tre progetti di legge di Unione Civile aperta anche alle coppie dello stesso sesso … → Qui il testo completo (in Spagnolo)

Italia: Mario Monti si pronuncia contro il Matrimonio Egualitario

Il mio articolo sulle dichiarazioni del Presidente del Consiglio sul Matrimonio Egualitario e le famiglie omoparentali e sulla rinuncia di De Giorgi alla candidatura al Senato … → Qui il testo completo (in Spagnolo)

Italia: Per Mario Monti i diritti LGBT sono importanti, ma non urgenti

Il mio articolo sulle dichiarazioni del Presidente del Consiglio Mario Monti sui diritti LGBT  … → Qui il testo completo (in Spagnolo)

Slovacchia: Il Parlamento boccia le Unioni Civili

Coat_of_Arms_of_Slovakia.svgIl Parlamento Slovacco ha respinto un progetto, per altro molto limitato, di legge di unioni civili aperto anche alle coppie dello stesso sesso. Il progetto, che era stato promosso dal piccolo partito liberale d’opposizione SaS, aveva scatenato l’ira dei cattolici che avevano anche lanciato una petizione raccogliendo migliaia di firme chiedendo al parlamento di non approvare la misura. Il voto contrario espresso dal gruppo del partito di centro-sinistra Smer (Direzione) è risultato determinante per la bocciatura del testo. Lo Smer, che aveva già governato la Slovacchia tra il 2006 e il 2010, é tornato a guidare il paese dopo avere ottenuto una schiacciante vittoria (conquistando ben 83 dei 150 seggi che compongono il parlamento) nelle elezioni legislative anticipate celebrate lo scorso marzo (dette elezioni erano state indette dopo che, nell’ottobre del 2011, il governo presieduto da Iveta Radičová era stato sfiduciato sul voto per la ratifica dell’estensione del Fondo europeo di stabilità finanziaria, FESF).

Lo scorso 6 Novembre, il Parlamento unicamerale Slovacco (la Národná rada Slovenskej republiky) ha respinto, per la terza volta nella sua storia, un progetto di legge sulle convivenze registrate. Il progetto era stato presentato lo scorso agosto dal piccolo partito liberale Libertà e Solidarietà (Sloboda a Solidarita, SaS) e prevedeva di estendere alle coppie conviventi, sia dello stesso sesso, che di sesso distinto, diritti simili (salvo in ciò che concerne il diritto all’adozione e alla potestà genitoriale congiunta) a quelli che la legislazione slovacca già riconosce alle coppie sposate. In pratica il testo parificava il trattamento fiscale delle coppie che avessero registrato la loro unione a quello delle coppie eterosessuali sposate e si occupava di questioni quali l’eredità dei beni del convivente, l’assistenza sanitaria e la reversibilità della pensione.

Sfortunatamente, il progetto é stato appoggiato solo da 14 dei 129 deputati presenti. I voti negativi sono stati 94 e le astensioni 20. Neppure il SaS ha sostenuto compatto la sua proposta. Degli 11 parlamentari che conta il partito, soltanto sei hanno votato a favore. Il voto negativo determinante però é stato, come non poteva essere altrimenti, quello del governativo Direzione-Socialdemocrazia (in Slocacco: Smer-Sociálna Demokracia, SMER-SD). É la terza volta che la Národná Rada boccia una proposta di legge sulle Unioni Civili. Lo stesso, infatti, era già avvenuto nel 1997 e nel 2000.

Appare opportuno notare, in conclusione, che il voto finale é giunto al culmine di due giorni di accesi dibattiti nel corso di quali gli opponenti ai diritti LGBT hanno preso la parola per accusare i promotori della legge di “Blasfemia”, dichiarare che la legge riconosceva il “matrimonio omosessuale” e proclamare che il testo ledeva i “valori tradizionali” della società. L’ex-presidente del Parlamento e attuale leader del partito di ispirazione democristiana “Movimento Cristiano democratico” (Kresťanskodemokratické hnutie, KDH), Pavol Hrušovský, ha affermato che si trattava di un “tentativo demente di distruggere l’intero sistema legale” slovacco.

Luci e Ombre

I dati dell’ultimo rapporto annuale sulla situazione dei diritti LGBT in Slovacchia, che é stato preparato dal gruppo LGBT Iniciatíva Inakosť e dalla fondazione Rosa Luxemburg, mostrano un’ evoluzione significativa dell’opinione pubblica in favore del riconoscimento di alcuni diritti alle coppie dello stesso sesso. Il 47% degli intervistati si dichiara, in particolare, a favore di una legge sulle Unioni Civili (nel 2009 era il 45% e, nel 2008, il 42%. Tutti i rapporti annuali realizzati, a partire dal 2006, da Iniciatíva Inakosť possono essere consultati cliccando qui). Il 70% si dichiara, inoltre, a favore di riconoscere il diritto all’assistenza sanitaria e il 60% si dice a favore del diritto all’eredità.

Questi dati così incoraggianti contrastano, però, con l’immagine ben più oscura e preoccupante che emerge da uno studio sociologico che é stato reso pubblico questa settimana nel paese centroeuropeo. Secondo questo studio, che é stato realizzato dall’Università dei santi Cirillo e Metodio di Trnava nel quadro del programma KomPrax dell’Instituto Iuventa, un’amplia maggioranza degli Slovacchi pensa che gli omosessuali non dovrebbero ricoprire funzioni pubbliche. Lo studio mostra, inoltre, che il 71% degli slovacchi intervistati aderisce a perlomeno una delle 17 affermazioni d’estrema destra sulle quali é stato chiesto loro di esprimere un giudizio e difende posizioni ultranazionaliste, antisemite, anti-rom, anti-magiare, xenofobe e omofobe.

Quella che precede é la traduzione italiana di un articolo, che ho pubblicato originariamente in lingua Spagnola nel sito DosManzanas.

Italia: Il Viminale conferma la legittimità del rilascio della carta di soggiorno ai coniugi extra-UE di cittadini italiani LGBT

L’ articolo che ho pubblicato nel sito Spagnolo DosManzanas sulla circolare con la quale il Ministero dell’Interno ha corroborato l’azione di varie prefetture che avevano iniziato a concedere permessi di soggiorno ai coniugi exta-comunitari di cittadini italiani LGBT… → Qui il testo completo (in Spagnolo)